(FOTO) Reggello, inaugurati i nuovi giardini della Scuola Oriani

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Un nuovo spazio verde per i bambini della Scuola Oriani di Reggello. Sono stati inaugurati questa mattina alla presenza del Sindaco Piero Giunti, della Giunta, della Dirigente Scolastica Patrizia Giorgi, degli alunni e delle insegnanti, i nuovi giardini a servizio dell’edificio scolastico ed il nuovo spazio gioco attrezzato.

Quello di avere un’adeguata area attrezzata, dedicata al gioco ed al divertimento era un’esigenza molto sentita e l’Amministrazione si è attivata per realizzare l’intervento. Dando vita ad un luogo sicuro, completo e, soprattutto, attrezzato.

I lavori hanno avuto un costo di 300.000 euro ed hanno previsto la creazione di un giardino attrezzato di 793 metri quadri complessivi composto da spazi verdi e non solo organizzati in aree distinte per funzionalità. A questi si aggiungono 290 metri quadri di giardino pubblico già attrezzato che l’Amministrazione darà in uso esclusivo alla scuola per un’area totale di 1083 metri quadri. Grazie alle variazioni in corso d’opera si è potuto realizzare due campetti da gioco ed un muro di sostegno da poter utilizzare come orto didattico. È stata, inoltre, realizzata una rampa che garantisce un facile accesso agli utenti disabili.

Tutta l’area è dotata di opportuna illuminazione che permette anche un facile accesso da piazza IV Novembre, in modo da poter utilizzare lo spazio anche per altre iniziative pubbliche non legate strettamente alla scuola.

“Oggi per Reggello è una bella giornata – spiega il Sindaco Piero Giunti – perché andiamo ad inaugurare questa importante opera, iniziata nella scorsa consiliatura, e per questo un doveroso ringraziamento va anche a Cristiano Benucci e alla precedente Amministrazione per la buona scelta fatta. Questo spazio attrezzato, che sarà a piena disposizione dei ragazzi, oltre a rendere la scuola Oriani più bella, permetterà di migliorare e potenziare le varie attività ludico didattiche offerte ai nostri alunni”.

 

Share.

Scritto da

Leave A Reply

Facebook