Regione Toscana, Giani propone Valerio Mari per la guida dell’Asl Toscana Centro

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

E’ Valerio Mari la persona indicata dal presidente della giunta regionale Eugenio Giani per guidare l’Asl Toscana Centro e succedere dunque a Paolo Morello Marchese, già al posto di comando al Meyer di Firenze.

Giani ha fatto il nome di Mari, già direttore dello staff della direzione della Asl, intervenendo ai lavori della Commissione consiliare sanità, dopo aver illustrato la proposta di legge al Parlamento per destinare al fondo sanitario, nell’arco di cinque anni, almeno il 7,5 per cento del prodotto interno lordo.

“Valerio Mari, di formazione ingegnere gestionale, – spiega il presidente – è la persona da me prescelta e che propongo prima alla Commissione e poi ai sindaci dell’Area metropolitana di Firenze, Prato e Pistoia”. “Mari – aggiunge – lavora nella Asl da più di tredici anni e per competenze e capacità di rinnovamento, per la passione e la dedizione all’azienda sanitaria e al territorio, penso che possa essere la persona più adatta”.

Con la formalizzazione della proposta da parte del presidente Giani inizia ora l’iter per acquisire i pareri della Commissione Sanità del Consiglio regionale e della conferenza dei sindaci. Solo a seguito dei due pareri si potrà procedere alla nomina, probabilmente nell’arco di un mese.

“Congratulazioni e buon lavoro al nuovo direttore generale dell’Asl Toscana Centro Valerio Mari”.

A dirlo è Pietro Dattolo, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Firenze, dopo la nomina di Mari da parte del governatore della Toscana Eugenio Giani.

“La sanità toscana – conclude Dattolo – ha di fronte sfide importanti. Come Ordine ci confronteremo, nel rispetto dei ruoli, con il nuovo direttore generale dell’Asl Toscana Centro, che personalmente conosco da tempo e ho avuto modo di apprezzare. Siamo pronti come sempre a dare il nostro contributo di proposte e idee con la dovuta chiarezza”.

Share.

Scritto da

Comments are closed.

Facebook