Impianto eolico del Mugello, manifestazione di protesta a San Godenzo organizzata dal Comitato di tutela del Crinale Mugellano

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Iniziativa da parte del Comitato per la tutela del Crinale Mugellano in programma sabato prossimo alle 10 a San Godenzo. La manifestazione si terrà per protestare contro la realizzazione della struttura sul monte Giogo di Villore. “Siamo contrari all’eolico industriale – dicono gli organizzatori – la realizzazione dell’impianto provocherà grossi danni alle montagne ai boschi del nostro territorio”. Questo il comunicato integrale del Comitato per la tutela del Crinale Mugellano:

La realizzazione dell’impianto eolico industriale sul crinale del Giogo di Villore e Corella, come da progetto presentato da AGSM-AM, è davvero un errore grave da evitare assolutamente.
La Conferenza dei Servizi avviata nel 2020 per evidenziare la compatibilità del
progetto con le norme di Valutazione d’Impatto Ambiantale (VIA) e di Valutazione di
Incidenza Ambientale (VIncA) si è conclusa a fine 2021 e la Regione Toscana con
Delibera di Giunta del 7 febbraio 2022 ha approvato il progetto. Molti e importanti
problemi non sono stati affatto risolti, si è passati direttamente all’approvazione
progetto rimandandone la soluzione al momento dell’esecuzione, per non essere
costretti a bocciare il progetto in quanto incompleto.
I pareri negativi o sospesi degli Enti preposti alla salvaguardia dell’ambiente e
del paesaggio, quali la Soprintendenza A.B.A.P. per la città metropolitana di Firenze,
Pistoia e Prato, l’Ente Parco delle Foreste Casentinesi, ARPAT (Agenzia regionale di
protezione ambientale Toscana) i comuni di S.Godenzo e quello di S.Benedetto e
Portico di Romagna, e da associazioni ambientaliste di rilevanza nazionale quali
Italia Nostra, C.A.I. (Club Alpino Italiano), AsOER (Associazione non lucrativa e di
volontariato di ornitologi), Associazione IDRA, e di numerosi cittadini abitanti della zona, sono stati volutamente ignorati.
Ci chiediamo come la Regione abbia potuto ammettere la realizzazione di un impianto industriale sull’Appennino, a 1000 m di quota e che ricade per opere accessorie in Siti protetti della Rete Natura 2000, quali nel territorio toscano: ZSC IT5140005 Muraglione Acquacheta, ZSC IT514004 Giogo-Colla di Casaglia e ZSC IT5180002 Foreste Alto Bacino dell’Arno (ricadenti nella città metropolitana di Firenze) e in Emilia Romagna: ZSC-ZPS IT408002 Acquacheta e SIC-ZPS IT408003 Monte Gemelli – Monte Guffone (ricadenti nella provincia di Forlì-Cesena).

QUESTI SONO I DANNI PIU’ RILEVANTI CHE CI FANNO RITENERE INSENSATA LA DECISIONE DELLA GIUNTA REGIONALE TOSCANA

? il dissesto idrogeologico e il pericolo di frane e smottamenti del versante appenninico e della valle di Corella derivati dai lavori di realizzazione della nuova viabilità di avvicinamento al crinale e quella di allargamento e rifacimento della strada di Corella;
? le interferenze con il reticolo idrografico e in particolare con la fonte del Solstretto che andranno ad impattare negativamente sulle risorse idriche di tutta l’area castanicola di Villore e sulle fonti del comune di Vicchio a rischio scomparsa;
? la scomparsa certa di almeno 9 Ha di bosco in vetta e lungo il percorso di avvicinamento dalla cabina SNAM al crinale, che saranno completamente rasi al suolo per fare posto alle strutture stradali di avvicinamento e ai cantieri di lavoro, e che potranno diventare anche molti di più all’occorrenza. Questi boschi saranno persi per sempre, infatti, nonostante la disponibilità di terreni offerta dalla UMCM, il proponente AGSM-AM ha risposto negativamente alla richiesta di piantumazione sostitutiva, preferendo pagare una misera ammenda, piuttosto che impegnarsi a restituire i boschi al territorio;
? la strage progressiva di uccelli di elevatissima importanza per la biodiversità e gli equilibri tra popolazioni del sito e delle aree protette limitrofe, quali i grandi rapaci e gli uccelli migratori, le cui rotte si appoggiano precisamente ai valichi appenninici;
? l’abbattimento d’intere popolazioni di pipistrelli a rischio estinzione, fondamentali per l’equilibrio ecologico tra le specie;
? l’inquinamento delle acque in uscita dai cantieri in quanto non è stata prevista una rete di raccolta dei reflui superficiali dotata d’impianto di depurazione in quota perprevenirne la diffusione degli inquinanti nell’ambiente;
? l’interferenza visiva delle pale (160 m alte) con il paesaggio appenninico di crinale, che, oltrepassando anche la distanza massima prevista dalla normativa, ne deturpa la bellezza.
Questi e molti altri problemi che sono rimasti aperti ci inducono a ritenere che la Regione Toscana avesse già in partenza deciso di approvare il progetto per far quadrare i conti con le previsioni del programma di riduzione di CO2 al 2020 imposti dalla UE e che l’intero procedimento del PAUR (procedimento autorizzatorio unico) sia stata solo una grande farsa, inutile e costosa.
VOGLIAMO EVITARE CHE SI REALIZZI QUALCOSA DI CUI A BREVE DOVREMO PENTIRCI SENZA PERO’ POTER PIU’ TORNARE INDIETRO
A QUESTO SCEMPIO DICIAMO NO
PER TUTELARE IL CRINALE CONTINUIAMO A BATTERCI!

CHIEDIAMO A TUTTI I CITTADINI MUGELLANI DI UNIRSI A NOI IL 19 MARZO PROSSIMO NELLA GIORNATA DI PROTESTA E DI FESTA CHE ORGANIZZIAMO A S. GODENZO, CON IL PATROCINIO DEL COMUNE E L’ADESIONE DELLE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE E I GRUPPI CONSILIARI DEI COMUNI DI VICCHIO E DICOMANO CHE SONO CONTRARI ALL’IMPIANTO.

 

Share.

Scritto da

Leave A Reply

Facebook