Autolinee Toscane, domenica prossima modifiche a linee urbane ed extraurbane per la Firenze Marathon: i dettagli

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Domenica 27 novembre, In occasione della 38a edizione della Firenze Marathon, ventitré linee di bus urbane e alcune linee extraurbane subiranno momentanee deviazioni, limitazioni e soppressioni.

Per consentire la manifestazione sportiva – che prevede partenza ed arrivo in Piazza del Duomo attraversando gran parte della città – il servizio di Autolinee Toscane dovrà necessariamente variare, modificando percorsi e limitando il servizio in base alle chiusure legate alla gara.

Saranno ventitré le linee urbane interessate dalle deviazioni. Nello specifico le linee 1, 6, 7, 8, 11, 12, 13, 14, 17, 20, 23, 30, 31, 32, 35, 36, 37, 39, 55, C1, C2, C3 e C4. Le modifiche sono attuate sulla base delle chiusure delle strade attraversate dal percorso della gara per consentire il passaggio dei maratoneti.

Le modifiche e i possibili disagi legati a questi cambiamenti momentanei sono previsti soprattutto nella mattina, dall’inizio del servizio, ma andranno avanti fino al pomeriggio. Alcune linee di bus – 1, 8, 12-13, 14, 17, 20, C1, C2, C3 e C4 – saranno soppresse fino alla tarda mattinata e primo pomeriggio, mentre le altre indicate faranno un servizio limitato, con deviazioni di percorso.

Modifiche previste anche per alcune linee extraurbane che collegano Firenze con il Mugello, Arezzo, Grosseto, Siena e Val di Pesa, Valdisieve, Valdarno e Chianti, Empoli, Prato, che si attesteranno ai confini dell’area della gara, con arrivo e partenza da Porta Romana, Via Guido Spadolini, Via Giampaolo Orsini, Piazza Puccini. Deviazione di percorso per i bus extraurbano diretti all’Ospedale di Careggi.

All’interno della notizia di Firenze Marathon sul sito at-bus.it è possibile consultare e scaricare tutti i dettagli dei percorsi modificati di ogni linea e delle variazioni al servizio previsti nella giornata della manifestazione sportiva.

Condivi su:
Share.

Scritto da

Redazione

Leave A Reply