Reggello, venerdì scorso visita istituzionale del Prefetto di Firenze Valerio Valenti nel comune reggellese

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Venerdì scorso il Prefetto di Firenze Valerio Valenti si è recato in visita istituzionale a Reggello. Accolto dal Sindaco Piero Giunti nel Palazzo Comunale, il Prefetto ha poi incontrato Giunta e Consiglieri comunali, i rappresentanti delle Forze dell’ordine ed altre personalità del territorio. Il Sindaco Giunti ha illustrato le caratteristiche dell’area reggellese fino alle criticità legate anche e soprattutto alla vastità del territorio ed alle numerose frazioni che caratterizzano il comune, verso le quali il Prefetto ha dimostrato interesse e premura.

Si è parlato di servizi, sicurezza, infrastrutture e delle necessità principali dei cittadini. La delegazione si è poi spostata a Cascia al Museo di Arte Sacra dove è in corso la mostra “Masaccio e i maestri del Rinascimento a confronto”, ammirando le opere esposte nell’ambito del progetto Terre degli Uffizi 2022.

“Questo è uno di quei momenti in cui la forma diventa sostanza, ed avere il Prefetto a Reggello, assume un significato e un valore importate – dichiara Piero Giunti, Sindaco di Reggello -. Un segnale di attenzione e di vicinanza al nostro comune che rafforza e consolida una buona e proficua collaborazione che c’è sempre stata fra il comune di Reggello e la Prefettura. In questo periodo più che mai diventa fondamentale fare rete, soprattutto fra le istituzioni al fine di stare vicino ai nostri cittadini e far sentire che le Istituzioni sono dalla loro parte perché i problemi non finiscono con i confini comunali. Le Istituzioni devono collaborare, dialogare e lavorare per mettere al centro la persona. Oggi è anche stata l’occasione per presentare al Prefetto Valenti le tante bellezze artistiche, culturali e ambientali del nostro territorio, allo stesso tempo rendere note le criticità che stiamo affrontando e le azioni che l’Amministrazione reggellese sta portando avanti con il coinvolgimento della Prefettura di Firenze”.

 

Condivi su:
Share.

Scritto da

Redazione

Leave A Reply