(AUDIO) Linea Faentina, ieri registrata una temperatura di 34°C all’interno di due convogli: le denunce di Omoboni (sindaco Borgo) e Giannelli (FdI)

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Denuncia da parte del sindaco di Borgo San Lorenzo Paolo Omoboni per l’eccessiva temperatura registrata nella giornata di ieri all’interno dei vagoni della linea Faentina: “Nel 2022 far viaggiare un treno con 34 gradi all’interno è vergognoso – dice Omoboni, il quale critica anche le condizioni generali della Faentina – Anche questo mese i pendolari riceveranno il bonus ritardi, ma non è una bella notizia. Se le cabine di regia regionali non devono portare nessun miglioramento, come ha detto l’Assessore Baccelli, sarà il caso di andare oltre. Di sicuro – conclude Omoboni – i gestori devono rispondere di questa situazione che continua a non essere tollerabile”.

Sull’episodio di ieri si è espresso anche il responsabile provinciale del dipartimento ai trasporti di Fratelli d’Italia Giampaolo Giannelli:

20 luglio 2022. Siamo nel corso di una estate particolarmente torrida, con temperature che anche in provincia di Firenze hanno raggiunto, e superato, i 40 gradi. Ebbene, sulla già disgraziata linea Faentina, una linea che dopo i pesanti ritardi del mese di giugno ha visto ritardi costanti per tutto il mese di luglio, due treni regionali, quello delle 15.40 e delle 17.40, in partenza da Firenze SMN diretti a Faenza, hanno circolato privi di aria condizionata in funzione, con evidenti problemi a bordo.
La temperatura segnalata dal monitor interno a bordo era di 34 gradi. Una vergogna inaccettabile, ma anche una situazione che poteva portare a malori per i passeggeri più fragili ed anziani. In situazioni di questo tipo, mancando le condizioni di sicurezza, il capotreno, a nostro avviso, deve impedire la partenza del treno, perchè mancano proprio le condizioni di vivibilità.
La situazione peggiora di giorno in giorno. L’assessore Baccelli non è in grado di incidere in alcun modo nei confronti di Rfi e Trenitalia.
Bene, agisca di conseguenza e faccia i passi doverosi. Prendendo esempio magari da quanto accaduto a Roma in questi giorni.
Questo l’intervento di Giannelli ai microfoni di Radio Sieve:
Condivi su:
Share.

Scritto da

Redazione

Leave A Reply