La Rosa dei venti del 17 giugno 2022

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Fra le nuove abitudini, come recita il titolo della puntata odierna da qualche anno potremmo anche includere il disertare le urne.
Il riscontro lo abbiamo anche fresco fresco, in quanto domenica scorsa gli italiani era chiamati al voto, per esprimersi su cinque quesiti referendari, che la Corte Costituzionale, aveva dichiarato ammissibili, fra quelli per i quali erano state raccolte le firme.
Risultato: alle urne si sono recati solo un avente diritto su 5, e dunque referendum non valido in quanto bisognava che al voto ci andassero almeno il 50% + 1 degli aventi diritto.
I quesiti, sicuramente poco comprensibili, sicuramente anche troppo tecnici e sicuramente poco attrattivi per gli elettori hanno originato il risultato, però, e c’è sempre un però, in alcuni comuni del nostro Paese si votava anche per i rinnovi dei consigli comunali, ma nonostante anche questa consultazione, pure in questi comuni la percentuale è rimasta bassa per non dire bassissima.

La disaffezione al voto sta diventando quasi cronica, oppure anche il nostro Paese oggi non si discosta molto in fatto di percentuali da altri Paesi europei?

Per quanto riguarda invece i Referendum dovremo cambiare qualcosa, tipo maggior numero di firme e anche esclusione del quorum, per salvare questo Istituto?

tefano Galli si rivolge ai nostri opinionisti: Massimo Biagioni, Alessandro Scipioni, Michele Ventura, Massimo Mattei.

Riascolta le risposte

Riascolta le parole di Massimo Biagioni

Riascolta Il parere di Massimo Mattei

Riascolta il parere di Alessandro Scipioni

Riascolta Michele Ventura

Condivi su:
Share.

Scritto da

Redazione

Leave A Reply