Giannelli (FdI): “La Regione renda gratuiti i test rapidi Covid: nostra proposta bocciata senza motivo”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Comunicato di Giampaolo Giannelli di Fratelli d’Italia sulla necessità di rendere gratuiti i test rapidi per la lotta al Coronavirus; questo il testo integrale:
La quarta fase della pandemia non è ancora stata superata; anzi, il contagio, sia pur spesso privo di sintomi, porta sempre più frequenti casi di propagazione di virus, anche tra coloro che si sono vaccinati. E’ quindi sempre più frequente il ricorso al test antigenico rapido come strumento di screening, opportuno ed efficace, disponibile sul mercato, in modo da creare un argine alla diffusione del virus stesso.
I costi dei test rapidi antigenici, pur non essendo consistenti come quelli dei molecolari, sono comunque molto cospicui e gravano pesantemente sulle tasche dei cittadini, con grande impatto per le fasce più deboli. Sarebbe quindi opportuno, quantomeno per i vaccinati e per non vaccinati con patologie, far sì che i test rapidi antigenici (tamponi”) fossero quindi gratuiti.
A questo proposito, opportunamente, i consiglieri regionali toscani di Fratelli d’Italia Torselli, Fantozzi, Petrucci, Capecchi, avevano opportunamente presentato due ordini del giorno, nel corso della scorsa sessione di bilancio, affinché la Regione Toscana prendesse le iniziative necessarie, tra le quali l’inserimento fondi nel Progetto regionale 26-politiche per la salute- per stanziare i fondi necessari per azzerare la quota di partecipazione a carico dei cittadini per effettuare i test rapidi. Il Consiglio Regionale, inopinatamente, ha bocciato le proposte del gruppo FdI nella sessione di bilancio, sostenendo, tra l’altro, che si sarebbero “giustificate le posizioni no vax”.
Una posizione assurda, che non tiene contro di quanto sta accadendo in generale e del numero sempre maggiore di tamponi effettuati. Ritengo che Anci Toscana, come organo istituzionale, debba fare pressioni sulla Regione Toscana affinché questa problematica venga risolta e, per quanto possibile, come consigliere regionale Anci, mi farò promotore di iniziative in tal senso.
Condivi su:
Share.

Scritto da

Redazione

Leave A Reply