Sit-in 10 dicembre a Firenze contro i disservizi ferroviari: partecipano anche i sindaci di Vicchio e Dicomano

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Anche l’Amministrazione comunale di Vicchio e quella di Dicomano saranno presenti il 10 dicembre a Firenze insieme ai sindaci di Borgo San Lorenzo, Scarperia e San Piero, Marradi, Vaglia e Fiesole che hanno indetto un’iniziativa di protesta davanti alle sedi di Trenitalia e Rfi per reclamare un servizio di trasporto ferroviario efficiente.

Afferma il sindaco di Vicchio Filippo Carlà Campa: “Abbiamo deciso di essere presenti al sit-in davanti alle sedi di RFI e Trenitalia per dare sostegno all’iniziativa promossa dai colleghi sindaci ed essere vicini ai pendolari vicchiesi che in certi orari per esigenze di orario di lavoro o di studio si spostano con la Faentina e a quelli che prendono la tratta Valdisieve, ma più in generale a tutti i pendolari del territorio che si muovono in treno e lamentano troppo spesso disservizi e disagi. Così proprio non va. Ci uniamo all’azione di protesta auspicando che, con l’impegno della Regione, la situazione cambi e ci sia un netto miglioramento del servizio”.

Che la linea Valdisieve non brilli di puntualità e sia necessario fare fronte comune nella richiesta di un servizio di qualità lo fa notare il sindaco di Dicomano Stefano Passiatore, che sarà presente al sit-in come presidente dell’Unione dei Comuni del Mugello: “Il servizio ferroviario di qualità sia per la linea Faentina che per la linea Valdisieve è di vitale importanza per i cittadini del Mugello, per migliorare i collegamenti e la mobilità, dal punto di vista della vivibilità e rispetto al turismo e allo sviluppo del territorio”.

Ai disagi dei pendolari si aggiungono quelli di chi si sposta in auto per le lunghe code che si formano al passaggio a livello sulla Sp 551. In un accordo sulla riqualificazione delle linee ferroviarie locali ne è prevista l’eliminazione: “Il Comune – precisa il sindaco di Vicchio – sta lavorando con Regione e RFI sull’intervento che verrà realizzato”.

Condivi su:
Share.

Scritto da

Redazione

Leave A Reply