Faentina, ancora disagi e ritardi. Giannelli (cdx Dicomano): “Assessore Baccelli, questa linea ferroviaria fa schifo”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Non si fermano i disagi sulla linea ferroviaria Faentina: anche questa mattina si sono registrati ritardi di oltre mezz’ora nel tragitto tra Borgo e Ronta. Ci sono state ripercussioni anche sulla viabilità, con il passaggio a livello tra Ronta e Panicaglia che è rimasto chiuso per oltre 20 minuti. Giampaolo Giannelli, capogruppo di centrodestra Dicomano, ha nuovamente denunciato questi disservizi con un comunicato stampa

Una settimana di passione finisce, una ancora peggiore inizia, per i pendolari che hanno la sventura di dover viaggiare sulla Faentina.
Tutti i treni stamani stanno avendo problemi, con le motivazioni più incredibili indicate per questi ritardi e queste cancellazioni.
Il regionale delle 7.02 per Borgo San Lorenzo è stato cancellato, cito testualmente, per “difficili condizioni meteo”, un altro, (il 18881) partito da Borgo San Lorenzo in ritardo, è stato fermato dal capotreno prima di Ronta per verifiche “perché slittava!!!!!
E questo è solo l’inizio, perché ovviamente questi ritardi e queste cancellazioni che stanno avvenendo di prima mattina avranno ovvie ripercussioni per il resto della giornata, con ritardi a catena.
E’ arrivato davvero il momento di dire basta. Basta a improbabili ed improvvisate interrogazioni che sono state trasmesse ad enti che non hanno competenza. Ma basta anche e soprattutto ad affermazioni, come quelle della settimana scorsa dell’assessore regionale Baccelli, tese a sottolineare che la Faentina è tra le migliori linee. Non voglio pensare come siano le altre, se la Faentina è tra le migliori. Ma una cosa è certa; assessore Baccelli, la Faentina fa schifo, è un colabrodo continuo, il materiale circolante è inadeguato, e chi più ne ha più ne metta.
Assessore, faccia veramente una cosa seria; convochi immediatamente un tavolo tecnico-politico con Trenitalia, che è la sola osa sensata da fare, anziché trincerarsi dietro fatue dichiarazioni di facciata. E magari, chiami anche i rappresentanti del comitato pendolari. Di coloro, cioè, che ogni giorno subiscono questo vergognoso trattamento durante il loro viaggio in treno.
Condivi su:
Share.

Scritto da

Redazione

Leave A Reply