Strawberries

Pontassieve: presentato il nuovo centro di distribuzione di Poste Italiane

0

È stato presentato venerdì scorso in Viale Hanoi il nuovo Centro di Distribuzione Postale di Pontassieve a servizio della Valdisieve.
La nuova sede, spiega Poste Italiane, è stata progettata e realizzata soprattutto in modo funzionale al “Joint Delivery”, il Nuovo Modello di Recapito introdotto sull’intero bacino territoriale che garantisce la consegna della corrispondenza e pacchi anche nel pomeriggio e il sabato. “Il nuovo Centro dispone di attrezzature di ultima generazione che permettono di ottimizzare il lavoro degli addetti. Di nuova concezione gli strumenti di lavoro, quali i carrelli per la movimentazione interna della posta, le bilance e i casellari, che permettono di ordinare e gestire la corrispondenza con più velocità”, spiega la nota di Poste Italiane.
“Con l’apertura del nuovo Centro di Distribuzione di Poste Italiane, – commenta la sindaca Monica Marini, presente all’inaugurazione – Pontassieve si conferma cuore strategico, geograficamente e dal punto di vista di erogazione dei servizi e della presenza di attività produttive, di tutta la Valdisieve. Siamo contenti che anche Poste Italiane abbia riconosciuto questa centralità del nostro Comune e abbia deciso di investire qui. Siamo sicuri che, con il nuovo Centro, i cittadini di tutto il nostro territorio potranno usufruire di un servizio sempre migliore”.
Presso il nuovo Centro di Distribuzione di Pontassieve lavoreranno circa 30 addetti tra portalettere e operatori interni. “I volumi su base annua che questa sede sarà chiamata a gestire sono molto importanti poiché si attestano su circa 83mila kg di corrispondenza “ordinaria”, e circa 187mila pezzi di posta a firma e pacchi”, ricorda Poste Italiane.
Il bacino territoriale di riferimento per la sede di Pontassieve è stato suddiviso in 14 articolazioni di base, 7 linee Business e 1 linea Mercato. Il nuovo Centro di Recapito ha competenza sui comuni di Pontassieve, Pelago, Rufina, una frazione di Rignano sull’Arno, Londa, Dicomano, San Godenzo.
Il Centro di recapito ha a disposizione un parco mezzi che comprende 20 auto e 2 motorini, con i quali quotidianamente i portalettere raggiungono oltre 44mila abitanti (22.800 abitazioni) e le oltre 2.800 attività commerciali tra uffici e negozi.
“Tutti i portalettere sono dotati di palmare e con i loro terminali potranno gestire la corrispondenza ordinaria e a firma in maniera veloce e tracciata, portando a domicilio una serie di servizi postali e di pagamento sia per i privati che per i professionisti – ricorda Poste Italiane – Infatti, il destinatario della corrispondenza potrà pagare da casa o dal posto di lavoro, nello stesso momento in cui avviene la consegna della posta o del pacco, tramite carta Postamat, Postepay o utilizzando le carte di debito del circuito Cirrus/Maestro.
Il Nuovo Modello Joint Delivery, passa dunque anche attraverso nuove strutture, nuovi processi organizzativi e nuove logiche distributive – spiega ancora Poste Italiane – Con il cambiamento funzionale all’efficientamento, Poste Italiane si propone di migliorare ancor più la qualità del servizio e dei tempi di consegna. La nuova organizzazione è articolata su due reti di recapito distinte ma integrate tra loro: la prima, denominata “linea di Base”, assicura quotidianamente, sulla propria area di competenza, la consegna di tutti i prodotti postali; la seconda, chiamata “Linea Business”, è dedicata alla consegna dei pacchi, dei prodotti e-commerce e degli invii a firma (raccomandate, assicurate ecc.) in fasce orarie estese fino alle 19.45 e durante il sabato”.

Condivi su:

Scritto da

Redazione

Leave A Reply