DPI, Giannelli (FI): “Non solo mascherine, anche guanti ed alcol sono introvabili”

0

Il vice coordinatore provinciale di Forza Italia Giampaolo Giannelli sottolinea i problemi di approvvigionamento non solo delle mascherine, ma anche di altri dpi, come i guanti e l’alcol disinfettante.
“Molti cittadini non riescono a trovare non soltanto le mascherine, ma nemmeno i guanti e l’alcool disinfettante, presidi indispensabili“, dice Giannelli.

Di seguito la nota completa:

In questi giorni sta per concludersi la (difficoltosa e piena di vicissitudini) distribuzione gratuita di mascherine fornite dalla Regione Toscana, e la necessità di procurarsi i dispositivi di protezione individuale resta importante vista la riapertura di ogni tipo di spostamento a partire dal 3 giugno; i problemi di approvvigionamento di DPI però restano ancora ben presenti- Lo denuncia il Vicecoordinatore provinciale fiorentino di Forza Italia Giampaolo Giannelli.
Proprio in questi giorni – precisa Giannelli i – riceviamo continue richieste di aiuto da cittadini preoccupati, che non riescono a trovare non soltanto le mascherine, ma nemmeno i guanti e l’alcool disinfettante, presidi indispensabili in questa fase nella quale è necessario non solo non abbassare la guardia, ma garantire la massima protezione all’intera comunità.
Tra l’altro, ricordiamo che per accedere sui mezzi pubblici e nelle strutture sanitarie vige oltre alle mascherine l’obbligo dei guanti, che risulta quindi non solo importante per la salute, ma indispensabile a termini di legge!!!
Le farmacie da noi interpellate, invece, continuano a evidenziare il basso quantitativo di mascherine a prezzo calmierato, talmente basso da esaurirsi in poche ore se non pochi minuti, con evidenti disagi per i cittadini.
sempre nelle farmacie, oltre che nei supermercati, alcool e guanti sono INTROVABILI!!
Risulta lampante – sottolinea Giannelli – come, dopo la stucchevole polemica che il Commissario Arcuri ha portato avanti contro le Farmacie (che hanno invece, ricordiamolo, fornito un servizio a vantaggio della comunità), la responsabilità ascrivibile totalmente a carico del Governo, che non è riuscito a garantire una sufficiente organizzazione della rete distributiva.
La nostra forte preoccupazione va anche a settembre, alla riapertura (speriamo) delle scuole – prosegue Giannelli –
Secondo gli orientamenti attuali, infatti, sarebbe previsto l’uso delle mascherine per tutto il personale, docente e non, e per i bambini di età superiore a 6 anni. A conti fatti, vuol dire un quantitativo totale, a livello nazionale, di oltre 500 milioni di pezzi al mese.
Ora, a prescindere da ogni considerazione di merito sull’obbligo delle mascherine per i bambini, se consideriamo che allo stato attuale, con numeri decisamente inferiori, questi prodotti sono difficilmente reperibili, ci chiediamo come possa esserne garantita a regime una normale fruizione ai cittadini.
Ecco perché – conclude Giannelli – auspichiamo che da parte dela Governo vi sia un intervento reale e sostanziale, una decisa inversione di tendenza a livello organizzativo, in modo da garantire agli italiani la normale reperibilità in commercio dei DPI.
Questo stroncherebbe sul nascere anche le attività truffaldine, messe in atto da organizzazioni criminali che, giocando su questa disorganizzazione e su questa penuria di prodotti, stanno cercando a più riprese di immettere sul mercato prodotti privi delle certificazioni di legge e quindi non conformi a quanto prevedono i protocolli di protezione.

Condivi su:

Scritto da

Redazione

Leave A Reply