25 aprile a Pontassieve, l’amministrazione aderisce a #bellaciaoinognicasa e lancia piazza virtuale

0

Il Comune di Pontassieve ha lanciato su facebook l’iniziativa #Iorestolibero con cui chiede ai cittadini e alle cittadine di usare la cornice realizzata dal Comune per la propria immagine del profilo o di scattarsi una foto con l’hashtag #Iorestolibero. Le foto dovranno essere inviate all’indirizzo cda@comune.pontassieve.fi.it entro la mattina di giovedì 23 aprile e saranno montate in un grande collage che rappresenterà una vera e propria piazza virtuale con cui Pontassieve festeggerà la Festa della Liberazione questo 25 aprile.

L’Amministrazione pontassievese ha inoltre annunciato, attraverso le parole della sindaca, Monica Marini, l’adesione all’Appello dell’ANPI #bellaciaoinognicasa: “Oggi, rendere omaggio a chi ha liberato il nostro Paese dalla dittatura e dalla violenza, a prezzo della propria giovinezza e della propria vita 75 anni fa, significa continuare ad agire pensando alla tutela di tutti e soprattutto delle persone più fragili.
Dimostriamo che il senso di comunità, le relazioni sociali fondate sul rispetto dell’altro e sulla vicinanza, che non è solo fisica ma prima di tutto emotiva, sono più forti di tutto il resto. Non canteremo Bella ciao per le vie delle nostre città quest’anno, ma la canteremo, e come Amministrazione chiediamo di farlo anche a tutte le cittadine e i cittadini di Pontassieve, dai nostri balconi e dalle nostre finestre: perché la clausura e l’isolamento di queste settimane non cancellano i valori su cui l’Italia è costruita e su cui saldamente, ancora oggi, dobbiamo dimostrare che si regge, nonostante gli squallidi tentativi di revisionismo cui ogni anno certa destra ci costringe ad assistere.
Invitiamo tutte e tutti, quindi, a partecipare alle 15.00 di sabato 25 aprile alla grande mobilitazione virtuale esponendo dalle finestre e dai balconi il tricolore e cantare, tutti insieme, Bella ciao, per celebrare la Festa della Liberazione”.

Condivi su:

Scritto da

Redazione

Leave A Reply