(AUDIO) Vicchio, Carlà Campa: “Nuovo ponte prima del sottopasso alla SP551. A febbraio…”

0

Un ponte sulla Sieve nel comune di Vicchio, nella zona del Ponte a Vicchio. La nuova opera figura tra gli interventi riguardanti la viabilità extraurbana secondaria e inseriti nel Piano urbano della mobilità sostenibile della Città Metropolitana. Nel piano è prevista questa nuova infrastruttura che, scrive la Metrocittà, “servirà ad alleggerire Borgo San Lorenzo dal traffico sulla Sp 551, dirottandolo sulla Sp 41 sulla riva opposta della Sieve”.
“L’alleggerimento del traffico pesante dal centro di Borgo San Lorenzo è un obiettivo importante. Ma senza infrastrutture nuove difficilmente percorribile. Arrivano, grazie alla Città Metropolitana, le risorse per il progetto. Un primo e fondamentale passo in questa direzione”, dice il sindaco di Borgo San Lorenzo Paolo Omoboni.
A Radio Sieve interviene così il sindaco di Vicchio Filippo Carlà Campa, dato l’opera ricadrà proprio sul suo territorio: “Ce lo aspettavamo, perché l’opera era presente sul PUMS della Metrocittà. Sicuramente il nuovo ponte darà un segnale importante al superamento delle difficoltà di viabilità della zona. Fra Borgo e Vicchio, escludendo la SP551 e il ponte di Sagginale, l’unico passaggio tra le due sponde della Sieve è a Ponte a Vicchio, un ponte vecchio e che non supporta il passaggio di grossi mezzi. Speriamo già nei prossimi mesi che qualcosa si muova sulla progettazione del nuovo ponte. L’opera dovrebbe nascere vicino a Ponte a Vicchio in posizione più spostata verso Sagginale, ma aspettiamo le valutazioni progettuali per stabilirlo con certezza”.
Il nuovo ponte diventa opera fondamentale come viabilità alternativa a fronte dei lavori futuri di RFI per l’eliminazione del passaggio a livello sulla SP551: “Chiudendo la SP551, la viabilità alternativa per i mezzi pesanti – dice ancora Carlà Campa – è praticamente inesistente, quindi prima del sottopasso alla ferrovia andrà costruito il ponte. Sovrappasso o sottopasso alla SP551? Una sopraelevata è da escludere, il sottopassaggio è la soluzione più probabile.
I primi di febbraio comunque avremo un incontro con RFI e Regione per capire come affrontare i lavori che coinvolgeranno Vicchio”.
Di seguito l’intervista completa al sindaco di Vicchio Filippo Carlà Campa:

Condivi su:

Scritto da

Redazione

Leave A Reply