Nenci: “Lega non ci ha considerato”. Giannelli: “Benvenuto in FI. Dialogo con tutti”

0

Polemiche politiche a Pontassieve per la decisione dei due consiglieri comunali Loreno Nenci e Vincenzo Lobascio di lasciare la Lega per entrare nel gruppo misto come Centrodestra Unito.
A Radio Sieve ieri il coordinatore provinciale del partito Alessandro Scipioni si è lamentato del fatto che Nenci ha votato al congresso di Forza Italia di qualche giorno fa iscrivendosi ad inizio novembre a Forza Italia e ha tuonato: “La gente non si merita di essere presa in giro dai voltagabbana, con i quali non facciamo alcun accordo. Piena fiducia al capogruppo Cecilia Cappelletti, persona coerente e leale” (LEGGI QUI).
Nenci, dalle pagine della Nazione, motiva la decisione con il “disaccordo su tutto con i coordinamenti provinciali, regionali e comunali. Non ci hanno considerato nell’invito alla cena a Salvini e se la sono presa perché sono andato alla manifestazione a Roma con il bus di Forza Italia. Salvini ha bisogno di affiancamento da parte di uomini che non portano avanti interessi personali. Sapevano che ero vicino a Forza Italia, ma mi hanno lo stesso inserito nella lista della Lega. Per cui non mi dimetto”.
Il vicecoordinatore provinciale di Forza Italia Giampaolo Giannelli si è espresso così sulla vicenda. Di seguito la sua nota:

A più riprese mi è stato chiesto di prendere una posizione in merito all’uscita dal gruppo Lega Salvini premier a Pontassieve dei consiglieri Nenci e Lobascio.
Mi è stato chiesto di farlo sia come vice coordinatore provinciale di Forza Italia che come capogruppo del gruppo consiliare centro destra Dicomano.
Lo farò sia da politico che da uomo che conosce da tempo uno dei 2 consiglieri, Loreno Nenci.
Non sono abituato a parlare dei fatti interni agli altri partiti. Non è la politica di Forza Italia quella di occuparsi degli altri, anche se sono alleati di centrodestra. Anche il nostro coordinatore provinciale Paolo Giovannini non ha mai fatto comunicati stampa nei confronti di coloro che sono usciti dal nostro partito in passato, anche quando ne avrebbe avuto tutti i motivi, comportandosi con signorile.distacco.
Su queste vicende, non essendoci a nessun livello vincolo di mandato, siamo sempre stati abituati ad avere rispetto legittimo per tutte le scelte personali. A maggior ragione in casi come questo.
Mi limito a sottolineare come i 2 “abbandoni” di Pontassieve siano successivi a situazione analoghe avvenute in Mugello; evidentemente problemi a livello territoriale in Lega ci sono. Ma, ripeto, sono loro dinamiche interne.
Sottolineo anche un aspetto, che ritengo fondamentale…se un consigliere navigato come Loreno Nenci ha preso la tessera di Forza Italia, consapevole delle conseguenze di questo, votando pubblicamente al nostro congresso, vuol dire che non ha usato alcun sotterfugio di nessun tipo.
Ha palesato una scelta, nonché un disagio personale verso quello che era il suo gruppo di elezione e di appartenenza.
Loreno Nenci e Vincenzo Lobascio non sono stati espulsi dalla Lega; hanno creato un nuovo gruppo consiliare “gruppo autonomo centro destra unito Pontassieve ” che già nel nome spiega la loro scelta.
I 2 consiglieri comunali evidentemente vogliono poter esercitare le prerogative connesse al loro ruolo rispondendo direttamente di fronte ai cittadini, continuando a lavorare per un centrodestra unito con FDI Forza Italia e la Lega.
Hanno fatto una scelta difficile, consapevoli che si sarebbero tirati addosso critiche e polemiche.
Ma hanno agito in coscienza e consapevolezza, senza fare scelte di potere o facili.
Anzi, la loro scelta,conseguente a una situazione personale e politica che evidentemente non permetteva loro di restare dov’erano collocati, e’ stata coraggiosa.
Come persona, come consigliere comunale, come Vice Coordinatore provinciale non posso che essere soddisfatto dell’adesione DI Loreno Nenci a Forza Italia; saprà dare al partito un contributo importante, forte della sua esperienza e del suo aver fatto politica sempre in maniera disinteressata e come servizio. Se Vincenzo Lobascio in futuro facesse la stessa scelta, aderendo a Forza Italia, ne saremmo lieti. Da parte nostra, visto il percorso che dovremo intraprendere da qui al fondamentale appuntamento delle Regionali di maggio, faremo di tutto per avere un dialogo proficuo e collaborativo sia col neonato gruppo consiliare di Pontassieve che con Cecilia Cappelletti, capogruppo di Lega Salvini premier a Pontassieve (come già fatto nei mesi scorsi.).
Solo unendo tutte le componenti di centrodestra, solo con un forte recupero di Forza Italia, il centrodestra unito può vincere la sfida di maggio, cambiando finalmente la politica della Regione Toscana.

 

Condivi su:

Scritto da

Redazione

Leave A Reply