Difformità sui dati elettorali a Borgo: polemiche tra opposizioni e Amministrazione

0

Polemiche a Borgo San Lorenzo per la difformità dei dati elettorali riguardo alle Comunali. Sabato scorso una conferenza stampa organizzata dai 4 candidati a sindaco, Omoboni escluso, in cui Margheri, Galeotti, Ferri e Giovannini hanno detto la loro riguardo al conteggio delle schede della sezione della frazione di Sagginale.
Per Margheri “in merito ai pasticci nel conteggio dei voti delle elezioni del 26 maggio, a prescindere dalla veridicità del risultato che, se non emergeranno fatti nuovi, non è in discussione, va sottolineata comunque la gravità di quanto è successo – si legge in un comunicato –
In questione è la credibilità del Sindaco che, avendo chiara la situazione a partire dal 27 maggio, aspetta quasi tre settimane e la pubblicazione di due articoli per spiegare quello che è effettivamente successo. Non si doveva il giorno stesso condividere l’accaduto con le diverse forze politiche? Se nessuno avesse sollevato il caso, si sarebbe informata l’opinione pubblica dell’accaduto? È di un’evidenza cristallina che il comportamento tenuto sembra fatto apposta per alimentare sospetti.
La trasparenza sull’espressione del voto dei cittadini è una cosa serissima e attiene al cuore della democrazia e al rispetto delle persone che hanno espresso il loro voto. Traccheggiare per quasi tre settimane significa che, probabilmente, si sarebbe stati disposti anche a imboscare quanto è accaduto. E quando s’imbosca la trasparenza è un problema molto serio in quanto mina la credibilità dell’istituzione. E questo è un problema che riguarda tutti! Certo è che questo quinquennio incomincia molto male.”

Per l’Amministrazione comunale, come riporta La Nazione, “i dati pubblicati sul sito del Comune sono quelli trasmessi al termine dello scrutino dalle sezioni nel numero dei voti riportati dalle liste, preferenze e voti ai candidati sindaci. I dati pubblicati si differenziano da quelli l’Ufficio Centrale per quanto riguarda i soli voti validi attribuiti ai candidati sindaci”. Tutto ciò a causa di un errore di compilazione del verbale nella sezione di Sagginale. Ma questa discordanza “non ha comunque inciso sull’esito del voto dei candidati sindaci ammessi al ballottaggio”.

Condivi su:

Scritto da

Redazione

Leave A Reply