Londa, “Il Soprasuolo del 3000”: il cartone animato creato dagli alunni delle Medie

0

Si terrà 3 maggio presso il Cinema parrocchiale di Londa, la proiezione/presentazione di “Il Soprasuolo del 3000” il cartone animato realizzato dagli alunni della 2^ media dell’Istituto Comprensivo Desiderio da Settignano che hanno partecipato a Cartoon School, il percorso didattico ideato dall’Associazione Culturale Koete e realizzato in collaborazione con il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e il Comune di Londa.

Frutto di una serie di incontri formativi e laboratoriali, “Il Soprasuolo del 3000” è un vero e proprio cartone animato realizzato dai ragazzi che, di volta in volta, hanno ricoperto il ruolo di sceneggiatore, disegnatore, musicista, doppiatore, rumorista o animatore, acquisendo in questo modo oggettive competenze e conoscenze di un linguaggio a loro così familiare come quello dell’animazione.

Ma oltre ad essere espressione della loro creatività “Il Soprasuolo del 3000” è veicolo di importanti messaggi con valenza etico-sociale: la presenza del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi ha infatti permesso di sviluppare i temi legati all’ambiente e all’ecologia.

“Il Soprasuolo del 3000” si svolge in uno scenario post nucleare, in cui gli uomini si sono estinti e gli animali sono mutati. Per sfuggire alle radiazioni, vivono sottoterra me le razioni di cibo si stanno esaurendo. Decidono così di uscire alla ricerca di cibo, indossando tute anti-radiazione. Oltre a rimasugli di cibo, trovano un computer nel quale c’è un video che racconta la fine della vita sulla terra: la colpa della catastrofe è stata dell’inquinamento e degli errori dell’uomo. Trovano anche un germoglio di Pesca Regina di Londa di cui decidono di prendersi cura… sarà l’inizio di una nuova era?

“Koete, nata nel 2013, è costituita da alcuni tra i più importanti artisti nazionali del mondo dei fumetti e dei cartoons: doppiatori, disegnatori, musicisti, registi e animatori che prestano il loro solidale contributo alle nostre molteplici attività di promozione sociale e culturale – spiega Francesco Santioli, Direttore dell’Associazione – il valore aggiunto di questo nostro progetto è proprio quello di mettere i ragazzi a contatto con chi vive di animazione e riesce a trasferire al tempo stesse competenze e passione”.

Condivi su:

Scritto da

Redazione

Leave A Reply